Tag Archives: festa multiculturale

Giacomo, un amico di Muoversi

5 Lug

Jack se n’è andato. Stanotte. Ha aspettato che finisse la sua Festa Multiculturale, la nostra Festa.

Le parole fanno fatica a comporsi sulla tastiera, le dita esitano e la voce è flebile, rotta dai singhiozzi. E’ difficile credere che Jack non sarà più sul prato del Parco Nevicati tra i gazebo, la pedana e le cucine. Ricordo la sua calma e il colore verde della sua visione. Una Festa per tutti e dove tutti sono protagonisti e nessuno è comparsa. Progettare, valutare, stimare, decidere, comprare, montare, smontare e montare nuovamente, insieme. Il volontariato nella sua essenza, lui sapeva coinvolgerlo. Lo spirito del fare e la soddisfazione di aver contribuito, il ringraziamento nei sorrisi e nella serenità delle 5 serate di un evento che negli anni ha visto crescere la partecipazione attiva e passiva. E Muoversi è cresciuta con la Festa. E con Jack e tutti i suoi collaboratori.

E Jack al Parco Nevicati è venuto fino all’ultimo con la gioia negli occhi pieni dei colori della sua Festa.

Un altro ricordo affiora… quando, nel 2008, come associazione neo-nata, nell’ambito del progetto KUMINDA, abbiamo richiesto un suo intervento all’incontro dedicato agli studenti delle scuole superiori  Il cooperante: tra impegno professionale e volontariato. Giacomo riuscì a stabilire un clima di dialogo con gli adolescenti in aula senza trascurare l’importanza di un messaggio importante come quello di una scelta di lavoro. Giacomo riuscì a comunicare, senza paternalismi, il significato di un impegno professionale nel sociale che mai può prescindere dalla consapevolezza e da una profonda condivisione dell’obiettivo.

Giacomo, quindi, era anche KUMINDA. Tra utopia, lungimiranza e il nero su bianco dei millenium goals. Kuminda, un progetto che ancora oggi vive del sangue e del sudore dei suoi volontari. Ed è in KUMINDA che Muoversi vuole vedere rivivere Jack, ogni anno in autunno. Nel sostegno a questo progetto il grazie di Muoversi non commuoversi onlus a Giacomo Truffelli.

Ciao Jack.

Torna la Festa Multiculturale! L’appuntamento più bello e variopinto dell’estate!

23 Giu

Il 26 e il 27 giugno e il 2,3,4 luglio 2010 torna la Festa Multiculturale al Parco Nevicati di Collecchio a Parma e Muoversi sará presente a questa XIV edizione all’interno dello spazio Cooperazione allestito di fianco alle cucine della Festa.

La XIV edizione della festa è organizzata in collaborazione con diverse realtà associative del territorio di Parma:
A. S. D. Capoeira Gerais Parma, ACIPP Comunità Ivoriana Parma e Provincia, ACPP Associazione Camerunensi Parma e provincia, AMEEC – Associazione multi etnica e culturale, Amici d’Africa, Amig@s MST, ASPP Associazione Senegalese Parma e Provincia, Associazione Afghana /AVSALI, Associazione Argentina “Libertango parma”, Associazione dei volontari Etiopi, Associazione di Cooperanti Tulime, Associazione Donne Tunisine, Associazione Faso Kanou, Associazione Italia Cuba, Associazione Nigeriana, Associazione Senza Frontiere, Banca Etica – GIT di Parma, CGCR Coordinamento Gestione Corretta Rifiuti, CGIL Parma, CIWIT Collettivo Ivoriani Wè d’Italia, Colori d’Africa, Comitato Antirazzista, Comitato campagna referendaria Acqua Pubblica, Comunità Bengalese, Comunità Brasiliana, Comunità Cambogiana, Comunità Eritrea, Comunità Ghanese, Comunità Greca di Parma, Comunità Indonesiana, Comunità Marocchina, Comunità Pakistana, Comunità Peruviana, Comunità Sudanese, Comunità S. Cristina, Cooperativa Averla, Coordinamento Pace e Solidarietà, Coordinamento Provinciale Enti servizio Civile Parma, Ecosolgea, Futuro, Ghana Youth association, Giovani Musulmani d’Italia, GreenPeace Parma, Gruppo Diocesano Giustizia Pace e Ambiente, Gruppo Mission, Il Telaio, Immagina comunicazione sociale, Ingenieria Senza Frontiere, Intercultura Parma, Kwa Dunia, La Libellula, L’Altramarea, Le Giraffe, Legambiente, Maendeleo-Italia, Mani, Mappamondo, Movimento Artistico Equal, Muoversi non Commuoversi, Parma per gli Altri Ong, Parma per il Centro Giovani Kamenge -Burundi, Perché no?, Rete Dormire Fuori, Rete per l’accoglienza al femminile, Samala – Chirundu, Seneparmes, Solidarietà Muungano, UISP, Vagamonde, Ya Basta!

Il programma

sabato 26
18.00 – Sul Prato – Giochi tradizionali a squadre per bambini – Comunità Senegalese
20.30 – Spazio incontri / video – presentazione del libro “Il Mare di mezzo” di Gabriele Del Grande – a seguire Documentario: “A passo d’uomo” di Maria Teresa Improta e Sara Bonomini – Le Giraffe e CIAC
21.00 – Sul Prato – Attività Ludico sportive per bambini – UISP
21.30 – Spazio Libri – presentazione del libro “L’altro/a tra noi” con Maria Chiara Spotti – Ass. Intercultura
21.30 – Spazio Musica – Danze Greche – Comunità Ellenica
22.00 – Spazio Pedana – Teatro: H2Oro – Compagnia Itineraria – Progetto “Xenia – oltre la pelle” in collaborazione con Coordinamento Provinciale per l’Acqua Pubblica
22.30 – Spazio Libri – Incontro: “I diritti dei lavoratori e il lavoro migrante”.
All’interno presentazione del libro “Gli africani salveranno l’Italia” di A. Mangano – CGIL – Giovani CGIL
22.30 – Stand Rete per l’accoglienza – Inaugurazione mostra: “Mai più schiave” – Rete per l’accoglienza al femminile
22.30 – Stand Movimento Equal – Inaugurazione mostra: “Barriere del pensiero” – Movimento Equal

domenica 27
18.00 – Spazio Pedana – Musica: Ludoteca Musicale – Parma Frontiere – Area Mu.Da.
18.00 – Sul prato – Gioco – laboratorio “Il viaggio” – Pozzo di Sicar
20.30 – Spazio Pedana – Musica: Ludoteca Musicale – Parma Frontiere – Parma Frontiere – Area Mu.Da.
21.00 – Spazio Musica – Danze Indiane – Comunità Indiana
21.30 – Spazio Musica – Teatro: commedia dialettale – UISP
21.30 – Spazio Pedana – Teatro: Identità di Carta – Compagnia Itineraria Progetto Xenia – oltre la pelle
21.30 – Spazio Video/Incontri – Incontro con il Coordinamento Acqua Pubblica – Cord. Prov. per l’Acqua Pubblica
23.00 – Spazio Video / Incontri – Video: Di mano in mano – Le Giraffe

venerdì 2
21.00 – Spazio Pedana – Musica: Danze DOGON del Mali – Metis Africa
21.00 – Spazio Video/Incontri – Incontro: Diritto d’asilo – AVSALI
21.30 – Spazio Musica – Musica: SIGIEL Picia piatt – CGIL
22.00 – Spazio Libri – presentazione del libro La Frontiera Interna-Welfare e immigrazione di M. Ferrari CIAC Kwa Dunìa
22.30- Spazio Pedana – Teatro forum sulla sicurezza – Tangram Teatro – Kwa Dunia
23.00 – Spazio Video/Incontri – Video: Lo stesso sangue – Le Giraffe

sabato 3
16.00 – Biblioteca – Villa Soragna – Incontro: “Quando l’altrove è qui – la nostra sanità a confronto con le medicine tradizionali: riflessioni su un modello di integrazione” – CIAC, Mani, Faso Kanou e Kwa Dunìa
19.00 – Spazio Pedana – Noi facciamo la differenza – Attività laboratoriali per bambini – La Libellula
21.00 – Spazio Musica – Musica: Concerto di Musica infantile ispanoamericana – Parma Frontiere – Area Mu.Da
21.00 – Spazio Video/Incontri – Buone pratiche per la gestione dei rifiuti – Comitato Gestione Corretta Rifiuti
22.00 – Spazio Pedana – Musica Senegalese – Comunità Senegalese
22.30 – Spazio Musica – Musiche Etiopi – Comunità Etiope
23.00 – Spazio Video/Incontri – Video: A passo d’uomo – Le Giraffe

domenica 4
18.30 – Spazio Pedana: Teatro: Stelle Nere – Rete per l’accoglienza al femminile
21.00 – Spazio Pedana – Musica: concerto dei Ragazzi del Festival Internazionale dei Giovani 2010
21.30 – Spazio Musica – Musica: Quartiere Coffee
21.30 – Spazio Video/Incontri – Incontro: la situazione della Grecia e la crisi internazionale – Comunità Ellenica
22.00 – Stand Movimento Equal – Adunanza poetica – Movimento Equal
22.30 – Spazio Pedana -Danze nigeriane – Comunità Nigeriana
22.30 – Spazio Video/Incontri – Teatro: “C’era una volta…storie di badanti, clandestini, amore e blues”
23.00 – Spazio Musica – Musica: musiche tradizionali Ghanesi – Comunità Ghanese

GUARDO: Teatro Giornale

26 Giu

Muoversi non commuoversi, nell’ambito della Festa Multiculturale di Collecchio, promuove

SPETTACOLO DI TEATRO GIORNALE
SULLA SICUREZZA/LEGALITA’ E CITTADINANZA
prodotto e diretto da Giuseppe Massimo

DOMENICA 5 LUGLIO – Parco Nevicati
alle ore 22,00

dedicato all’associazione CIAC onlus
(Centro Immigrazione Asilo e Cooperazione nternazionale)
uno spazio di accesso al diritto per i migranti e di supporto per enti ed associazioni

“in un mondo colmo di pregiudizi…. piccoli uomini tenacemente lavorano nell’ombra per la costruzione di una socità multietnica….”

Il Teatro Giornale è uno degli strumenti utilizzati dal Teatro dell’Oppresso. Tale tipo di teatro è nato in Brasile negli anni ’60 ad opera di Augusto Boal, attore e regista recentemente scomparso, con l’intenzione di favorire una presa di coscienza delle problematiche sociali da parte delle classi più deboli e stimolare la ricerca delle soluzioni ai diversi tipi di oppressioni sociali. In particolare il Teatro Giornale è una forma di rappresentazione che prende spunto dalle notizie diffuse dalla stampa per “portarle a conoscenza” del pubblico utilizzando diverse tecniche teatrali, sempre legate al Teatro dell’Oppresso. Anche in questo caso si tratta di teatralizzare un tema sociale per stimolare una presa di coscienza del pubblico che potrà, successivamente, esprimere le sue opinioni in un dibattito conclusivo.

Torna la Festa Multiculturale di Collecchio

24 Giu

La Festa Multiculturale raggiunge la tredicesima edizionemanifesto1 e propone un ricco programma di incontri, iniziative collaterali, spettacoli musicali e l’ormai tradizionale cucina dal mondo.
L’appuntamento, promosso da Forum Solidarietà e sostenuto dal contributo del Comune di Collecchio, si articola in cinque serate organizzate come di consueto al Parco Nevicati di Collecchio a partire da sabato 27 e domenica 28 giugno, per tornare e chiudersi venerdì 3, sabato 4 e domenica 5 luglio.

Attraverso dibattiti, spettacoli teatrali, letture guidate e animazioni per tutte le età, la festa propone il volto gioioso e riflessivo della contemporanea società multiculturale.

Il tema “Cittadinanza e sicurezza” è approfondito nello spazio stand con percorsi informativi, animazioni, statistiche e materiale dalle campagne “Non avere paura” e “Io non ho paura”. Non manca l’attività “Caccia al migrante”, con la connessione internet a “The Statue of Liberty-Ellis Island Foundation”, per ricercare i migranti italiani.

La solidarietà internazionale è protagonista con il tema della cooperazione nello spazio stand dedicato: tra gli enti previsti domenica 28 giugno alle 21 la presentazione della rivista “Parma Cooperazione” e della guida alla cooperazione internazionale a Parma. Venerdì 3 luglio alle 21 il tema “Sanità e cooperazione internazionale” è svolto nell’incontro con i medici del Master “Doctors for Africa”.

LA CUCINA
Torna la ricca, aromatica e gustosa proposta gastronomica internazionale, che attira ogni anno migliaia di persone (lo scorso anno almeno 15mila nelle cinque serate) negli stand allestiti dalle comunità migranti.

Quest’anno collaborano all’organizzazione della festa le comunità di Afganistan, Argentina, Bangladesh, Brasile, Cambogia, Camerun, Costa d’Avorio, Cuba, Eritrea, Etiopia, Ghana, Grecia, Kurdistan, Marocco, Nigeria, Pakistan, Palestina, Perù, Senegal, Sudan e Tunisia, che nelle cinque serate si alternano nelle cucine per proporre piatti tipici della loro cultura. L’offerta gastronomica è completata dai piatti tradizionali della cucina parmigiana.
Il cibo è “raccontato” ogni sera alle 18, quando associazione “Il Telaio” propone una lezione sui piatti tipici dei diversi paesi: Grecia, India, Brasile, Senegal e Perù.

IL TEATRO E NON SOLO
Tanti gli spettacoli teatrali a tema: sabato 27 giugno si parte con la commedia dialettale parmigiana, a cura di Uisp, seguita alle 22 da una sfilata di moda e musica dal Camerun.
Domenica 28 giugno musica e percussioni da Perù e Nigeria e allestimento dello spettacolo “La storia di Vera”, a cura di Associazione San Cristoforo.
Nel secondo fine settimana venerdì 3 luglio va in scena il Teatro Rom di Alexian Santino Spinelli, seguito da Sigiel Pichapiaat promosso da CGIL Parma.
Sabato 4 luglio alle 21 danze greche e a seguire musica e danze senegalesi.
La moda ghanese sfila domenica 5 luglio alle 21, seguita dallo spettacolo di TDO “Sicurezza”, promosso da associazione Muoversi non commuoversi.
Infine sabato 4 e domenica 5 luglio, alle 21.30, Festina Lente Teatro, in collaborazione con il Museo Guatelli, associazione Vagamonde e progetto ParmaMulticulturale, propone lo spettacolo inedito “Di mano in mano”.

“Non raccontiamoci storie, cuciamo la pace” è lo spazio narrazioni a cura delle associazioni Kwa Dunìa e Pozzo di Sicar, che tutte le sere alle 18.30 propone narrazioni per bambini e non solo. Dalle 19.30 tutti sono invitati a partecipare alla cucitura del “puzzle della pace” di stoffa, portando e ascoltando racconti su sé stessi e la propria migrazione.

Nello spazio video infine, ogni sera dalle 21, è in programma la proiezione di documentari con introduzione e dibattito.

LA MUSICA
Dalle 22 alle 24 ogni sera diventa protagonista la musica, con Les Totems, Tango & Splin, Il viaggio rin-negato, Grenouille, musica etiope e Koma Dicle del Kurdistan.

E IL RESTO…
All’interno del progetto Sport4Peace, promosso da associazione Amici d’Africa, si svolge il torneo di calcio a 5 “anti razzista”, dalle 17 alle 19 nei giorni della festa. L’iniziativa vuole favorire il dialogo, il rispetto reciproco e la convivenza. È realizzata in collaborazione con UISP.
Nello spazio “gioco per tutti” attività ludiche della tradizione culturale italiana, del nord Europa e di alcuni paesi africani, a cura di Terra dei Colori.
Lo Spazio Libri a cura di associazione Kwa Dunìa propone una vasta scelta di volumi a tema, oltre a due incontri di presentazione alle 21: venerdì 3 luglio “L’occidente agli occhi dei migranti”, di Vincenza Pellegrino; domenica 5 luglio “Una nuova generazione di italiani”, di Chiara Marchetti.
E ancora mostre fotografiche (a Villa Soragna sulla vita di Gandhi a cura di associazione Il Telaio), esibizioni artistiche e corso di pattinaggio per bambini.

Forum Solidarietà fa sapere che sono graditi e ricercati volontari disponibili nei giorni della Festa e in quelli che la precedono.
L’ingresso alla festa e agli spettacoli è gratuito.

Per informazioni – Tel. 0521.228330
Giacomo Truffelli (programma culturale)
Alessandro Vicentini (stand espositori e commercianti)
Marina Morini (volontari)
parma.multiculturale@forumsolidarieta.it

i colori della multiculturalità

i colori della multiculturalità

non dovrebbero esserci barriere

non dovrebbero esserci barriere

GUARDO: Il diritto al cibo in un mimo

13 Set

Giuseppe Massimo

Il diritto ad una alimentazione adeguata costituisce un diritto umano fondamentale, sancito con fermezza nel diritto internazionale. Ciononostante, ogni giorno una persona su 5 soffre la fame, per un totale di 800 milioni di persone affamate in tutto il mondo, e ogni anno oltre 20 milioni di persone muoiono di denutrizione e di malattie ad essa collegate.

Nell’ambito della Festa Multiculturale di Collecchio (PR) che si tiene ogni anno a giugno e quest’anno dedicata alla celebrazione del 60° anniversario della Dichiarazione dei Diritti Umani, MUOVERSI ha presentato in collaborazione con Giuseppe Massimo, mimo teatrale, uno spettacolo pensato e realizzato con Alice Massimo, socia attiva di Muoversi, sul tema del diritto al cibo.

Testi: Alice Massimo, Giuseppe Massimo
Voce: Alice Massimo
Performance: Giuseppe Massimo

Vi invitiamo a vederlo e/o rivederlo su YouTube
Per informazioni: muoversi . pr (at) gmail . com